Giornalisti Pensionati Sicilia: news e approfondimenti per tutti i colleghi e per chi avesse un quesito da porre

Al Giardino dei Giusti l'Orazione per Falcone e Borsellino. Accordo Ars-Assostampa per l'archivio di Salvo Licata

Il ricordo delle stragi del ‘92 nelle parole di Salvo Licata e l’annuncio che le sue opere, il suo archivio personale, passeranno alla Biblioteca dell’Assemblea regionale siciliana. Domani sera al Giardino dei Giusti in via Alloro 90, prima dell’Orazione per Falcone e Borsellino che sarà interpretata da Paride Benassai, sarà ufficializzato l’accordo tra l’Associazione siciliana della stampa e l’Ars, sul passaggio dell’archivio grazie alla mediazione di Pino Apprendi, ex deputato regionale, che ha raccolto l’appello lanciato da Costanza Licata e da Assostampa che ha nominato un comitato scientifico per curare la classificazione dell'archivio (opere teatrali, scritti anche inediti, lettere e fotografie). (segue all'interno)

Inpgi - Ginex al Consiglio generale: “Da oggi siamo chiamati a dare”

Prima riunione del Consiglio generale dell’Inpgi a Roma. In apertura il saluto del neopresidente Inpgi Roberto Ginex di cui riportiamo il testo: “Desidero ringraziarvi tutte e tutti, iniziando se mi permettete dalle colleghe e dai colleghi giornalisti siciliani che hanno straordinariamente partecipato alle elezioni di fine maggio contribuendo alla mia elezione in Assemblea generale con un grande consenso. Passaggio obbligato per giungere, oggi, fin qui, un ruolo che sinceramente non era atteso e che mi onora. Desidero ringraziare quanti di voi hanno manifestato apprezzamento accordandomi fiducia ed eleggendomi il 3 luglio come componente del Cda. Al Consiglio di amministrazione un sentito, sincero e profondo ringraziamento per avermi eletto presidente. Ripeto un ruolo inatteso che cercherò di portare avanti con dedizione, passione, coerenza, determinazione. Il dialogo con tutti è necessario, indispensabile per le scelte che saremo chiamati a fare. Lavorare insieme per i colleghi e le colleghe. Vogliamo un INPGI solido, sostenibile e solidale capace di assicurare domani pensioni dignitose a coloro i quali hanno scelto o sono stati costretti a svolgere la professione in forma autonoma o da collaboratori. Ritengo fondamentale la piena collaborazione con tutti gli enti di categoria Vogliamo portare l’INPGI sempre più vicino a colleghe e colleghi autonomi, freelance e precari. Ai tanti colleghi che soffrono quotidianamente e che vengono sfruttati dagli editori che continuano ad alimentare collaborazioni con compensi umilianti e mortificanti per tutti noi. Chiudo citando Padre Pino Puglisi, vittima della mafia, e oggi beato: “Alla fine, ogni vocazione, ogni missione, è sempre un ricevere per dare”. Ecco questo sarà il mio impegno, e desidererei che fosse il nostro impegno, in questo nuovo INPGI, vorrei che fosse impostato e improntato a quelle parole: Abbiamo ricevuto un mandato da colleghi e colleghe elettori ed elettrici. Da oggi siamo chiamati a dare. E quindi cominciamo. Buon lavoro a tutti e a tutte”.

Eletti, infine, in Consiglio generale il sindaco effettivo Andrea Sbardellati (Toscana) e come sindaco supplente Stefano D'Orsi (Emilia Romagna). Nominato anche il garante del Codice etico Massimo Zennaro (Veneto).

 

Assostampa Sicilia: dal 17 luglio uffici aperti dalle 9 alle 14, chiusi dal 9 al 26 agosto

L’Associazione Siciliana della Stampa comunica i nuovi orari di apertura degli uffici regionali (inclusi servizi Inpgi e Casagit) di via Francesco Crispi 286 a Palermo in vigore dal 17 luglio e sino al primo di settembre.

Dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14.

Gli uffici di Assostampa Sicilia saranno, inoltre, chiusi per le ferie estive da venerdì 9 a lunedì 26 agosto, giorno di riapertura.

Roberto Ginex eletto presidente dell'Inpgi

Roberto Ginex è stato eletto questa mattina presidente dell'Inpgi, l'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani. La settimana scorsa era entrato nel consiglio di amministrazione che era stato votato dall'assemblea generale dei 52 delegati riunita a Roma il tre luglio.

Oltre a Roberto Ginex gli altri componenti del cda sono Stefano Gallizzi (Lombardia), Massimo Marciano (Lazio), Mattia Motta (Emilia Romagna), e Beppe Gandolfo (Piemonte). L'Inpgi, l'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani si occupa di gestire le posizioni di giornalisti free lance, autonomi, co.co.co e collaboratori. Ginex, giornalista dal 1992, da oltre 25 anni impegnato attivamente nel sindacato dei giornalisti dapprima come consigliere regionale, poi segretario di Assostampa Palermo, da aprile 2018 a fine agosto 2022 è stato segretario regionale di Assostampa Siciliana, oltre ad essere da tempo consigliere nazionale della Fnsi. Giornalista free lance, lavora da anni per l'agenzia ANSA, si è occupato e si occupa di uffici stampa pubblici e privati. Ginex è stato eletto delegato della circoscrizione Sicilia all'Assemblea generale dell'Inpgi con 576 preferenze, il candidato in assoluto più votato d'Italia. Nell'assemblea generale sono presenti altri due siciliani Sergio Magazzù e Vincenzo Lombardo. Il nuovo consiglio generale sarà coordinato da Patrizia Pennella (Abruzzo) eletta dall'assemblea.

Al neo presidente dell’Inpgi i complimenti del Gruppo Siciliano Giornalisti Pensionati e l’augurio di buon lavoro.

Premio cronista 2024. Le cerimonie a Catania e Palermo

Sono stati consegnati venerdì 28 giugno, durante la cerimonia nell’Aula magna della Scuola superiore dell’Ateneo in via Villa San Saverio a Catania, condotta da Filippo Romeo, i riconoscimenti del “Premio cronisti 2024”, indetto dal Gruppo cronisti siciliani di Assostampa Sicilia e l’Ordine dei giornalisti di Sicilia. 

Il giorno dopo una piccola appendice è stata organizzata dalla segreteria provinciale di Palermo, nella sala "Orlando Scarlata" della sede di Assostampa Sicilia, per i colleghi premiati che purtroppo per vari motivi erano stati assenti a Catania (segue all’interno)

 

Consiglio Nazionale UNGP-FNSI: approvati bilanci consuntivo e preventivo

Il Consiglio Nazionale dell’Unione Nazionale Giornalisti Pensionati UNGP-FNSI, riunito stamane nella sede della Fnsi a Roma, ha approvato all’unanimità i bilanci consuntivo 2023 e preventivo 2024 al termine di un ampio dibattito. È stata rilevata l’esigenza di affrontare con urgenza i problemi finanziari che si pongono all’Unione dei Pensionati nell’ambito delle difficoltà economiche che vive l’intero sistema di rappresentanza dei giornalisti (segue all'interno)

Ecco a voi “Ieri, oggi, domani”

Il bel volume “Ieri, oggi, domani”, 27 racconti brevi dei giornalisti pensionati siciliani, è stato presentato nel corso dell’ultima assemblea regionale e ora lo mettiamo a disposizione di tutti. Basterà un click nel link sottostante, sul titolo o sulla foto

Ieri, oggi,  domani.pdf (4 MB)

Referendum su dignità e sicurezza sul lavoro. Si firma nella sede di Assostampa: "La precarietà è un bavaglio"

La FNSI ha aderito alla campagna referendaria lanciata dalla Cgil che ha presentato la proposta di quattro referendum su sicurezza e dignità del lavoro. Per questo moduli per aderire sono disponibili anche nella sede di Assostampa Sicilia, in via Francesco Crispi 286, aperta tutte le mattine dalle 9 alle 13,30. Gli uffici sono aperti anche al pomeriggio in coincidenza con gli appuntamenti del Circolo della stampa. Per firmare è necessario avere un documento d'identità valido (segue all'interno)

Usigrai: inaccettabili gli insulti del parlamentare/editore Angelucci ai giornalisti

Molto importante il seguente comunicato dell’Usigrai che pubblichiamo:

Il giornalismo è fatto di domande ma l’imprenditore, parlamentare ed editore Angelucci che “invita” i cronisti che le fanno ad andare a lavorare coprendoli di insulti, mostra di avere una idea diversa della democrazia e del giornalismo.

L’Usigrai esprime solidarietà ai colleghi insultati da Angelucci e rinnova vicinanza e attenzione per le colleghe e i colleghi dell’AGI impegnati da mesi a scongiurare la possibilità che l’ENI, attuale proprietaria, ceda l’agenzia di stampa oggi in mano pubblica proprio ad Angelucci.

L’ipotesi che l’Eni venda ad Angelucci, parlamentare della Lega e proprietario di diversi giornali, pone un enorme problema di concentrazione editoriale e di conflitto di interessi che solo la politica italiana si ostina a non voler vedere e risolvere.

Festa della Repubblica, premiate le scuole del concorso "Libertà di stampa e cultura della legalità"

Per il terzo anno consecutivo la cerimonia di premiazione delle scuole che hanno partecipato al concorso "Libertà di stampa e cultura della legalità" organizzato dalla prefettura di Palermo si è svolta il Due Giugno, giorno della festa della Repubblica. E anche questa volta le scuole vincitrici sono state chiamate a salire sul palco del Teatro Politeama. La cerimonia è stata aperta dalla fanfara dei carabinieri che ha eseguito l'Inno nazionale, mentre un intermezzo musicale è stato offerto da un quartetto d'archi del conservatorio Scarlatti e in chiusura alcuni alunni del liceo Margherita di sono esibiti in un balletto (segue all'interno)

Teatro di Noto, attenti a quel bando

Il Gruppo Giornalisti Pensionati aderenti all'Associazione Siciliana della Stampa esprime forti perplessità per l'assegnazione di un posto di addetto stampa al Teatro Comunale di Noto "Tina Di Lorenzo", con un bando che prevede 3.000 euro l'anno lorde. Un bando che è stato disertato da molti giornalisti locali, proprio per il compenso poco dignitoso che offende profondamente la nostra categoria. Il fatto è, comunque, ancora più grave perché il posto è poi stato assegnato ad un giornalista pensionato.

Ribadendo il dovere morale per i pensionati di non svendere la propria professione forti della stabilità garantita dalla pensione e sottolineando la direttiva deontologica dell'Unione Nazionale dei Giornalisti Pensionati, secondo la quale i colleghi in quiescenza non devono mai far concorrenza ai giovani, segnala l'increscioso episodio all'Ordine dei Giornalisti ed alla segreteria regionale dell'Associazione Siciliana della Stampa per le dovute valutazioni e le eventuali azioni di contrasto. Chiede, altresì, al sindaco di Noto, Corrado Figura, nella sua funzione di presidente della Fondazione "Tina Di Lorenzo", di ritirare in autotutela il bando per riproporlo dopo avere rivisto la parte economica. In questa maniera si darà l'opportunità ai giovani giornalisti di competere per il posto di addetto stampa senza svilire la propria professione.

Premi dell’anno USSI - Circolo del Tennis e della Vela Messina, Busetta e Ferracane i vincitori della 64^ edizione

L’Asd Svincolati Milazzo campioni d’Italia nel basket tre contro tre under 18 con Michael Scredi, Dario Scardi, Giuseppe Giambò e Renato Sahin; la squadra maschile campione d’Italia del Circolo del tennis e della vela Messina; il campione italiano di parapendio Marco Busetta; la campionessa mondiale di surf Bruna Ferracane del Club Albaria Palermo sono i vincitori del Premio dell’Anno dell’Ussi intitolato al ricordo di Candido Cannavò per le imprese compiute nel 2023. La cerimonia di consegna della 64^ edizione dei Premi dell’Anno si è tenuta ad Acireale (segue all’interno)

I diritti delle giornaliste dalla maternità al welfare. Incontro con Alessandra Costante a Palermo

Una professione, quella del giornalista, sempre più difficile da fare. Un percorso ad ostacoli, che si complicano e fanno più alti per le donne poste in particolare davanti al bivio lavoro-famiglia. Per questo l’Associazione siciliana della stampa ha voluto, per il 9 maggio alle 10 a Palermo, nella sede di via Francesco Crispi 286, in sinergia. con la sezione provinciale, dedicare al tema un seminario formativo cui sarà presente la segretaria generale della Fnsi Alessandra Costante. Il seminario “I diritti delle giornaliste dalla maternità al welfare. Contratto ed istituti di categoria a difesa del lavoro e della famiglia” darà diritto al riconoscimento di 6 crediti deontologici ed è possibile iscriversi dalla piattaforma www.formazionegiornalisti.it o direttamente sul posto.

Il seminario partendo dalle fondamenta deontologiche del Testo Unico dei giornalisti, propone un approfondimento sui rischi di una sempre maggiore precarizzazione della professione che porta alla necessità di nuovi strumenti di tutela della maternità e della famiglia in generale, attraverso un potenziamento dell'azione degli istituti di categoria e di un indispensabile rinnovo del contratto nazionale lavoro giornalistico e di un nuovo welfare. Al tavolo, con la numero uno della Fnsi, si alterneranno gli interventi di Tommaso Daquanno, direttore Fnsi, Roberto Ginex, consigliere nazionale Fnsi, Sergio Magazzù segretario provinciale Assostampa Messina e vice segretario vicario Ussi Sicilia, Tiziana Martorana, consigliera Ordine dei giornalisti di Sicilia, Tiziana Tavella, presidente Consiglio regionale Assostampa Sicilia.

Dichiarazione dei redditi: disponibili nell’area soci i documenti Casagit Salute

Da oggi, lunedì 6 maggio, accedendo alla sezione “Documenti” dell’area riservata, sono a disposizione le informazioni relative ai contributi versati e alle spese rimborsate trasmesse all’Agenzia delle Entrate per l’elaborazione del 730 precompilato. I documenti evidenziano anche le norme fiscali riferibili ai propri contributi. Si ricorda che nell’area riservata soci sono inoltre disponibili:

· il “riepilogo spese mediche per anno di competenza”, riferito ai soci titolari e ai loro familiari
· la distinta di liquidazione all’interno di ciascuna pratica

Questi documenti possono rappresentare un utile supporto da presentare al commercialista o al CAF per agevolare la compilazione della dichiarazione dei redditi. È disponibile alla pagina dedicata ai vantaggi fiscali un riepilogo sui regimi fiscali applicabili ai contributi e alle spese sanitarie. Per situazioni particolari, difficilmente riconducibili alle casistiche più comuni, è consigliabile rivolgersi al proprio commercialista o CAF.

Commisione contrattuale Fieg-Fnsi: il presidente dell'UNGP informa

Care colleghe, cari colleghi, ieri pomeriggio si è riunita per la prima volta dopo oltre dieci anni la commissione contrattuale FIEG-FNSI. Vi hanno partecipato gli eletti dai cdr, i rappresentanti dei collaboratori e dei freelance, la Giunta esecutiva, gli esperti nominati dalla segretaria Alessandra Costante e i rappresentanti di Usigrai e Ungp, quindi il sottoscritto. Nella relazione, la Segretaria Costante non ha nascosto le grandi difficoltà del negoziato, con un contratto scaduto da oltre dieci anni. Vi sono peraltro stati contatti riservati con la presidenza Fieg la quale ha avanzato la pregiudiziale dell’eccessivo costo del lavoro giornalistico che, secondo gli editori, deve essere drasticamente ridotto. La nostra posizione è invece incentrata sulla constatazione che in dieci anni di vacanza contrattuale i salari dei giornalisti, e di conseguenza anche le pensioni, hanno perso circa il 20 per cento del potere d’acquisto. Nei successivi contatti la pregiudiziale FIEG sembrerebbe caduta ma si vedrà al tavolo che è stato convocato in plenaria per il 15 maggio prossimo.

Moltissimi gli interventi dai quali è emersa la necessità di una profonda revisione sia della parte economica sia di quella normativa del contratto. In particolare è emersa la totale insostenibilità delle condizioni e dei tempi di lavoro in tutto il settore con l’aumento dei carichi di lavoro, stressanti e alienanti. In un quadro che vede la progressiva inarrestabile riduzione degli occupati specie nei quotidiani, nei periodici e nelle agenzie di stampa. Ma anche nell’emittente nazionale locale. Con l’utilizzo selvaggio dei prepensionamenti. Salario e stile di vita, quindi, i due aspetti principali. Vedremo come si svilupperà il negoziato. Per il momento manteniamo queste informazioni nell’ambito del consiglio nazionale Ungp e dei direttivi dei gruppi regionali. Vi terrò informati

ASSEMBLEA ANNUALE GIORNALISTI PENSIONATI DI SICILIA DEL 29 APRILE 2024
L’assemblea si apre con la relazione annuale della presidente Claudia Mirto che ricorda la figura di Fausto Galati, colonna del sindacalismo regionale e nazionale e propone l’affissione di una targa alla sua memoria accanto a quella di Orlando Scarlata nel salone di Assostampa.
Unità, partecipazione impegno sono le parole d’ordine del lavoro dei pensionati per il 2024, altro argomento importante sono state le convenzioni sanitarie con l’Ospedale Giglio di Cefalù, le strutture nazionali Casagit, la carta Green, e l’impegno di trovare farmacie in tutta la regione che offrano buone convenzioni e sconti per i pensionati.
La Presidente ha ricordato il valore della partecipazione dei pensionati ad eventi pubblici, formativi e nelle scuole sui valori del mestiere, della legalità e della formazione deontologica. Tra gli annunci 2024 la novità di poter usufruire del patronato Acli attraverso i servizi di segreteria regionale con prezzi modici e decine di servizi utilissimi.
Altro argomento importante il sito del gruppo, seguirlo, arricchirlo, innovarlo è stata la indicazione della presidente ai molti presenti in sala.
E poi seguito l’annuncio delle dimissioni del componente direttivo Giancarlo Mirone per ragioni personali e che sarà sostituito al più breve.
Per il direttivo hanno parlato Maria Lombardo vice presidente regionale, che ha parlato dell’importanza di mantenere attivo il nostro sito e di farlo conoscere attraverso la condivisione sui social media e poi dell’importanza di allargare il rapporto con le scuole e le università dell’isola.
Pippo Cascio è intervenuto sui temi della memoria della legalità e dell’intelligenza artificiale come priorità dell’evoluzione dei giornalisti attivi e pensionati.
Per Cascio la Carta di Modica, in creazione, servirà ad orientare i giornalisti in sinergia con l’ordine e l’associazione sui cambiamenti tecnologici, web e gestalt.
Sull’attenzione al lavoro dei pensionati, talvolta fuori dalla regole, è stata richiesta vigilanza ed attenzione.
Egle Palazzolo si è detta pronta a lavorare sulla Carta sottolineando  come la forza e l’esperienza dei giornalisti pensionati crei unione e visibilità.
Sulla vigilanza agli istituti pensionistici si è espresso Ignazio Panzica che ha denunciato una certa morbidezza sul contratto di lavoro ed i loro rinnovi.
Ancora Panzica ha allertato sui problemi Inps Casagit ed emergenza sanità nazionale.
Si è detto disponibile ad un incontro con i vertici dell’ISMET per allargare il campo della prevenzione e diagnostica ai giornalisti.
Attenzione che ha denunciato anche Gaetano Sconzo per un disguido nel corso di una terapia odontoiatrica.
Sulla pensione dei giornalisti non ha dubbi Roberto Leone vice segretario dell’Assostampa Sicilia, non è certo un privilegio ma un diritto super acquisito da tutelare nell’unità sindacale. Unità che qualcuno cerca di sgretolare offrendo ruoli responsabilità e tutele anche fantasiose.
Ha poi parlato delle prossime elezioni Inpgi, degli incontri del neo Circolo della Stampa, al neo comitato creato con Guido Valdini, Franco Nicastro, Pino Apprendi, la biblioteca regionale che si occuperanno dell’archivio del giornalista scrittore Salvo Licata.
È stato poi approvato il bilancio illustrato dal tesoriere Luigi Andò e dai revisori dei conti Gaetano Sconzo e Michele Cimino. Il bilancio è visionabile presso gli uffici di segreteria di Assostampa Palermo o su richiesta via mail. 
Con la presentazione del bel volume “Ieri, oggi domani”, 27 racconti brevi dei giornalisti pensionati siciliani si è chiusa l’assemblea.
Un saluto di chiusura e di buon lavoro è stato infine proposto dal decano dei giornalisti italiani Nino Martinez.

ASSEMBLEA ANNUALE GIORNALISTI PENSIONATI DI SICILIA DEL 29 APRILE 2024

L’assemblea s'è aperta con la relazione annuale della presidente Claudia Mirto che ricorda la figura di Fausto Galati, colonna del sindacalismo regionale e nazionale e propone l’affissione di una targa alla sua memoria accanto a quella di Orlando Scarlata nel salone di Assostampa. Unità, partecipazione impegno sono le parole d’ordine del lavoro dei pensionati per il 2024. Numerosi gli interventi prima di procedere con gli altri punti all'ordine del giorno (segue all'interno)

Redditi 2023: contributi Casagit e spese mediche in detrazione. Le norme per i pensionati

Notizie importanti per tutti i giornalisti pensionati dell'Inps, ex Inpgi, e dell’Inpgi2 su fisco e Casagit. Ci sono novità rispetto al passato e quindi è opportuno porre attenzione a modalità e tempi. Agli inizi di maggio la Casagit pubblicherà nell'area riservata del sito www.casagit.it la certificazione dei contributi versati nel 2023 da ciascun pensionato. I contributi del socio pensionato sono fiscalmente deducibili fino al limite di 3.615,20 euro. L'Inps non opera più la deduzione alla fonte, per cui ogni pensionato dovrà iscrivere nella dichiarazione dei redditi l'importo deducibile come risulta dalla certificazione di Casagit. I contributi versati a Casagit per i familiari non sono né deducibili, né detraibili. Le spese mediche dei familiari tutte detraibili anche se rimborsate (segue all’interno)

Ricoveri, interventi, visite e analisi: ecco tutti i servizi della convenzione ospedale Giglio-Casagit

Da alcuni giorni è operativa la convenzione sottoscritta tra la Fondazione Giglio di Cefalù e Casagit Salute (Società nazionale di mutuo soccorso dei giornalisti italiani “Angiolo Berti”) che consentirà ai giornalisti e alle giornaliste iscritti/e (titolari di contratti di lavoro Fnsi) di accedere alle prestazioni in solvenza, con la copertura dei costi delle prestazioni direttamente in capo alla Casagit. La convenzione, che sarà attiva per il 2024 e il 2025, prevede una forma diretta e una forma indiretta. L’ospedale Giglio ha esteso la convenzione a tutte le attività specialistiche, ben 22, presenti all’interno della struttura (vedi all'interno)

avoro, libertà di stampa e lotta al precariato: Alessandra Costante incontra i giornalisti siciliani
Tre giorni e quattro appuntamenti in Sicilia, dal 9 all’11 aprile per la segretaria generale della Fnsi Alessandra Costante che incontrerà i colleghi di Messina, Ragusa, Siracusa e Catania in una serie di corsi di formazione in cui si affronteranno le urgenze della categoria dal precariato alla libertà di stampa a rischio. Con la numero uno del sindacato unitario dei giornalisti, saranno presenti come relatori ai corsi, il direttore della Fnsi Tommaso Daquanno, il consigliere nazionale della Fnsi Roberto Ginex, il segretario provinciale di Messina Sergio Magazzu’ e la presidente del consiglio regionale di Assostampa Sicilia e coordinatrice nazionale della Commissione Lavoro Autonomo Nazionale della Fnsi Tiziana Tavella.avoro, libertà di stampa e lotta al precariato: Alessandra Costante incontra i giornalisti siciliani

Lavoro, libertà di stampa e lotta al precariato: Alessandra Costante incontra i giornalisti siciliani

Tre giorni e quattro appuntamenti in Sicilia, dal 9 all’11 aprile per la segretaria generale della Fnsi Alessandra Costante che incontrerà i colleghi di Messina, Ragusa, Siracusa e Catania in una serie di corsi di formazione in cui si affronteranno le urgenze della categoria dal precariato alla libertà di stampa a rischio. Con la numero uno del sindacato unitario dei giornalisti, saranno presenti come relatori ai corsi, il direttore della Fnsi Tommaso Daquanno, il consigliere nazionale della Fnsi Roberto Ginex, il segretario provinciale di Messina Sergio Magazzù e la presidente del consiglio regionale di Assostampa Sicilia e coordinatrice nazionale della Commissione Lavoro Autonomo Nazionale della Fnsi Tiziana Tavella (segue nelle notizie)

AGGIORNAMENTI FISCALI E DEDUCIBILITÀ DEL CONTRIBUTO CASAGIT SALUTE
Gentile associato,
per confermarti che il trattamento fiscale di deducibilità del contributo versato a Casagit Salute non ha subito variazioni a seguito del passaggio in INPS della gestione principale INPGI.
La continuità del trattamento fiscale è garantita dalla sottoscrizione di due accordi interpretativi dei rispettivi contratti collettivi:
Accordo del 28/03/2023 sottoscritto da FINSI e FIEG
Accordo del 04/04/2023 sottoscritto da FNSI e AERANTI CORALLO
Gli accordi di cui sopra permettono di preservare il regime fiscale di deducibilità, in linea con le disposizioni dell'articolo 51 del Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR).
Il trattamento fiscale dei contributi versati per il coniuge o altri membri del nucleo familiare non subisce modifiche: tali contributi non sono né deducibili né detraibili.
Restano invariate anche le regole fiscali per i rimborsi: al momento della dichiarazione dei redditi il socio titolare detrae solo le quote di spese sanitarie non rimborsate da Casagit, mentre i coniugi e i familiari possono detrarre l'intera spesa, inclusa la quota rimborsata da Casagit Salute.
La certificazione ti sarà notificata in concomitanza con la messa a disposizione del modello 730 precompilato da parte dell’agenzia delle entrate, orientativamente nella prima settimana di maggio.
 
CordialmenteAGGIORNAMENTI FISCALI E DEDUCIBILITÀ DEL CONTRIBUTO CASAGIT SALUTECo

Comunicazione ai soci - Aggiornamenti fiscali e deducibilità del contributo Casagit Salute

La Casagit conferma che il trattamento fiscale di deducibilità del contributo versato a Casagit Salute non ha subito variazioni a seguito del passaggio in INPS della gestione principale INPGI.
La continuità del trattamento fiscale è garantita dalla sottoscrizione di due accordi interpretativi dei rispettivi contratti collettivi:
• Accordo del 28/03/2023 sottoscritto da FINSI e FIEG
• Accordo del 04/04/2023 sottoscritto da FNSI e AERANTI CORALLO
Gli accordi di cui sopra permettono di preservare il regime fiscale di deducibilità, in linea con le disposizioni dell'articolo 51 del Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR).
Il trattamento fiscale dei contributi versati per il coniuge o altri membri del nucleo familiare non subisce modifiche: tali contributi non sono né deducibili né detraibili.
Restano invariate anche le regole fiscali per i rimborsi: al momento della dichiarazione dei redditi il socio titolare detrae solo le quote di spese sanitarie non rimborsate da Casagit, mentre i coniugi e i familiari possono detrarre l'intera spesa, inclusa la quota rimborsata da Casagit Salute.
La certificazione ti sarà notificata in concomitanza con la messa a disposizione del modello 730 precompilato da parte dell’agenzia delle entrate, orientativamente nella prima settimana di maggio.

A TUTTI GLI ISCRITTI - L'Assostampa offre ai soci i servizi di Patronato

È operativa la convenzione siglata dall’Associazione siciliana della stampa e dalle Acli. È valida su tutto il territorio siciliano. Vengono offerti i servizi di consulenza, patrocinio e tutela in materia di previdenza ed assistenza obbligatoria e complementare. In particolare, vengono garantite le attività di consulenza e trasmissione telematica di dati in materia di assistenza e previdenza sociale, infortuni e malattie professionali secondo quanto previsto dalle leggi. Per alcuni dei servizi verrà richiesto un contributo con la tariffa agevolata di 13 euro (e non 16 euro). L’Assostampa offre il servizio (anche al telefono: 091-581001) in tutti i giorni di apertura dei suoi uffici della sede di via Crispi, n. 286, a Palermo. Se necessario, e su indicazione degli uffici di Palermo, i soci potranno avvalersi delle sedi del Patronato Acli presenti in tutte le province siciliane.

Servizi gratuiti
Pensione di reversibilità e indiretta, pensione di vecchiaia, pensione anticipata, pratiche di pensione in convenzione internazionale, assegno di invalidità e inabilità, pensione di inabilità e inidoneità pubblici dipendenti, pensione privilegiata, pensione di guerra, supplementi di pensione per contributi successivi alla pensione, istante di ricostituzione contributiva per contributi pregressi, variazione e trasferimenti di pensione, assegno sociale, pensione e assegno di invalidità, indennità di accompagnamento, pensione ciechi, pensione sordomuti e indennità di comunicazione, indennità di frequenza, richiesta e rinnovo permesso di soggiorno, ricongiungimento familiare, riconoscimento malattia professionale, riconoscimento infortunio, riconoscimento/aggravamento danno biologico, riconoscimento della rendita INAIL, domanda di riconoscimento rendita ai superstiti.
Servizi a pagamento (euro 13,00)
Domande di disoccupazione (NASPI, DISCOLL, ASDI, ecc.), maternità anticipata (es. lavoratrici domestiche), congedo di maternità (maternità obbligatoria), congedo parentale, (maternità facoltativa), assegni familiari a liquidazione diretta, per lavoratori domestici, coltivatori diretti, collaboratori, ditte fallite ecc., assegni familiari su NASPI, DISCOLL, ASDI, ecc., rate maturate e non riscosse in caso di morte, quote di tredicesima e invalidità civile, riconoscimento delle stato di Handicap inidoneità al servizio, ricostituzione reddituali (red cartaceo), verifica posizioni assicurative o carriere pubblici dipendenti, rettifica posizioni assicurative (sia INPS che Ex-INPDAP), estratto conto certificativo e autorizzazione versamenti volontari, domande di ricongiunzione legge n. 29/1979 e legge n. 45/1990, domande di computo e riscatto, costituzione posizioni assicurative legge n. 322/1958, Inail ricaduta inabilità assoluta temporanea, Inail richiesta protesi e cure termali, Inail richiesta rimborso medicinali.

Care colleghe e colleghi, quest'anno per questo 8 marzo né articoli, né riflessioni. E ne avremmo da scrivere… Solo una dedica, un pensiero prioritario sui diritti negati, che ci riunisce e ci agita. Da giornalisti e cittadini.

  

(foto Corriere della Sera)

8 marzo 2024 dedicato a…

...alle bambine sotto i razzi e le bombe, alle ragazze delle tendopoli, alle donne costrette alle armi, alle vedove di guerra, alle sorelle dei militari dei fronti di guerra in lotta, alle nonne lacerate dal conflitto, ferite al cuore. Esuli creature pronte ogni giorno al grido corale: PACE. (c.m.)

...alle vittime e ai loro familiari, poveri figli superstiti di immani tragedie, della spaventosa mattanza delle donne nel nostro Paese, il macabro, orrendo rito quasi quotidiano dei femminicidi. Mentre assistiamo a quello che sembra diventato un pietoso rito mediatico fotocopia nel racconto delle tragiche storie e perfino nei termini, mentre si respira sempre più aria di avvilente assuefazione e crescente indifferenza rispetto a questi spaventosi delitti, in tanti abbiamo la sensazione evidente di una vera e propria drammatica impotenza dello Stato e del sistema a trovare i mezzi giusti per fermare questa infinita mattanza delle donne. E ogni parola, ogni commento, ogni condanna morale pubblica di queste azioni e di questi esseri abominevoli, sembra ormai un inutile esercizio che serve solo a noi che scriviamo e condanniamo. Ma non possiamo e non dobbiamo smettere mai, soprattutto noi uomini, di indignarci, di arrabbiarci, di gridare, contro questo interminabile e inarrestabile massacro, perché diventi davvero una priorità nelle grandi battaglie sociali e culturali di questa Italia che non ci piace. (g.p.)

…a Yulia Navalnaya e a Vera Politovskaja, al loro coraggio di portare avanti l'impegno e la fede per l'avvento della democrazia in Russia per la quale i loro cari, il marito di Yulia, Alexiei, e la madre di Vera, Anna, hanno dato la vita, falciati dal regime di Putin. Coraggio Yulia, coraggio Vera. Buona fortuna Russia! (m.l.)

…alle giovani di oggi che saranno il futuro del nostro Paese, con l’augurio che la festa delle donne non sia solo in questa ricorrenza, ma per sempre, senza intoppi sul vostro cammino e, soprattutto, senza dolori, lontano dai clamori delle cronache, perché così tutti noi, da uomini e giornalisti, vogliamo e perché personalmente così auguro che sia anche per la mia nipotina. (l.a.)

..."Se l'informazione è un'arma, usiamola per difendere le donne". È questo lo slogan che abbiamo coniato in quest'ultima stagione di lotte che ha visto i giornalisti in prima linea. Una serie di iniziative che culminano nel seminario dell'Ordine dei Giornalisti, di sabato 9 marzo, a Siracusa, su "Il ruolo dei giornalisti nella battaglia contro violenza di genere ed hate crimes", organizzato dal Gruppo Giornalisti Pensionati e dalla Commissione Pari Opportunità di Assostampa Sicilia. (g.c.)

...“parità di genere”. Perché superi il rischio di divenire espressione vuota e rituale rispetto ai suoi veri contenuti. Perché stia ad indicare il necessario approdo verso un dialogo politico e umano che apra alla conquista di nuovi orizzonti. E dove, dunque, anche il significato della parola “pace” abbia posto e copertura. Alla donna che è come tutti e innanzi tutto persona e che di essa ha sempre rivendicato dignità e forza, coerenza e volontà. A lei e a ogni persona che sappia farsi riconoscere tale, sia resa possibile la indispensabile soluzione delle atrocità che attanagliano il nostro presente. (e.p.)

Anche il Gruppo Giornalisti Pensionati in piazza a Palermo per il diritto alla libertà d’informazione

Il Gruppo Giornalisti Pensionati di Assostampa Sicilia ha risposto all'appello alla mobilitazione lanciato dalla Federazione nazionale della stampa prendendo parte al flashmob contro la cosiddetta “legge bavaglio” in discussione in Parlamento. Se approvata, la legge andrebbe a restringere i margini della libera informazione nel Paese. Il flashmob si è svolto giovedì 8 febbraio a Palermo davanti al Teatro Massimo ed è proseguito in una sala del vicino cinema Rouge et Noir. Dopo i dirigenti siciliani di Assostampa, le testimonianze dei direttori de Il Giornale di Sicilia, La Sicilia e La Repubblica edizione Palermo e di numerosi giornalisti hanno preso la parola la presidente regionale del Gruppo Pensionati Claudia Mirto e la vicepresidente Maria Lombardo. La Lombardo ha esposto la necessità di aprirsi ad associazioni studentesche, culturali e di vario tipo per diffondere e far comprendere alla popolazione le motivazioni della protesta che non riguardano la categoria ma tutta la società e la difesa della democrazia.

Flashmob e protesta contro le leggi bavaglio. I giornalisti siciliani in piazza: "Difendiamo un diritto di tutti"

Un flashmob con una simbolica lettura dei giornali, sulle note musicali di Jovanotti, davanti al teatro Massimo di Palermo ed una serie di interventi a difesa della libertà di stampa per una informazione indipendente che è garanzia di diritti e di democrazia. Sono scesi in piazza, in mattinata, i giornalisti siciliani per dire 'no' alle norme che puntano a mettere il bavaglio ai cronisti e per rilanciare temi fondamentali come la lotta alle fake news e al precariato (segue nelle notizie)
Un flashmob con una simbolica lettura dei giornali, sulle note musicali di Jovanotti, davanti al teatro Massimo di Palermo ed una serie di interventi a difesa della libertà di stampa per una informazione indipendente che è garanzia di diritti e di democrazia. Sono scesi in piazza, in mattinata, i giornalisti siciliani per dire 'no' alle norme che puntano a mettere il bavaglio ai cronisti e per rilanciare temi fondamentali come la lotta alle fake news e al precariato.Flashmob e protesta contro le leggi bavaglio. I giornalisti siciliani in piazza: "Difendiamo un diritto di tutti"
Un flashmob con una simbolica lettura dei giornali, sulle note musicali di Jovanotti, davanti al teatro Massimo di Palermo ed una serie di interventi a difesa della libertà di stampa per una informazione indipendente che è garanzia di diritti e di democrazia. Sono scesi in piazza, in mattinata, i giornalisti siciliani per dire 'no' alle norme che puntano a mettere il bavaglio ai cronisti e per rilanciare temi fondamentali come la lotta alle fake news e al precariato.
Inpgi, via libera dai ministeri vigilanti al nuovo Statuto
Fra i punti salienti: rivista la struttura organizzativa dell'Ente, confermata la base circoscrizionale nelle elezioni dei Delegati all'Assemblea, previsto per i ruoli apicali un dettagliato elenco di cause di ineleggibilità, decadenza e incompatibilitàInpgi, via libera dai ministeri vigilanti al nuovo Statuto

INPGI - Via libera dai ministeri vigilanti al nuovo Statuto

Fra i punti salienti: rivista la struttura organizzativa dell'Ente, confermata la base circoscrizionale nelle elezioni dei Delegati all'Assemblea, previsto per i ruoli apicali un dettagliato elenco di cause di ineleggibilità, decadenza e incompatibilità (segue nelle notizie)

Giornalisti siciliani in piazza

Piersanti Mattarella, il ricordo al giardino della memoria. Scoperta la nuova targa

Da questa mattina nel Giardino della Memoria di Ciaculli, a Palermo, bene confiscato alla mafia e gestito da Assostampa Sicilia con il Gruppo cronisti siciliani e l’Associazione nazionale magistrati di Palermo ci sono una nuova targa e un nuovo albero dedicati a Piersanti Mattarella, il presidente della Regione siciliana assassinato dalla mafia il 6 gennaio di 44 anni fa. Scoperta dai figli Maria e Bernardo la nuova targa si trova accanto a un albero d'ulivo piantato pochi giorni fa, grazie alla collaborazione della Regione siciliana, Dipartimento sviluppo rurale, che ha donato l’albero (segue nelle notizie)

QUELLA SERA CON DAVID AL GIORNALE L'ORA ...

Due anni dopo la sua scomparsa, nel giorno in cui varie istituzioni dell'#UE ne celebreranno la memoria, mi piace molto riproporre il mio ricordo personale sempre molto vivo del caro, grande giornalista di razza e presidente del #ParlamentoEuropeo, che ci ha lasciò la notte dell'#11gennaio2022 per una grave disfunzione del sistema immunitario. Aveva 65 anni - era nato il 15 maggio del 1956, un mese prima di me -, era una magnifica persona, "un orgoglioso italiano" come ha scritto di lui la presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen.

Era la sera del #7maggio1992, poco meno di trentadue anni fa, quando David, inviato del Tg3 per la popolare diretta serale della trasmissione "Omnibus" che quelli della mia generazione ricorderanno bene, venne nella redazione del giornale L'Ora a Palermo, nella via che oggi porta lo stesso nome. Il giorno dopo, quell'#8maggio1992 che per noi ragazzi dell'Ora resta un giorno dolorosissimo scolpito a caratteri cubitali nella mente e nel cuore, sarebbe uscito l'ultimo numero del giornale con quel titolo enorme e tristissimo: "Arrivederci".

#DavidSassoliera venuto a raccontare dal vivo all'Italia cosa stava succedendo davvero in quel piccolo, ma grandissimo e glorioso giornale famoso nel mondo per le sue battaglie antimafia, perché la proprietà legata al PDS aveva deciso di chiuderlo per un beffardo destino 15 giorni prima della #stragedicapaci, 70 giorni prima della #stragediviadamelio. Lo fece con la ben nota grandissima professionalità, ma anche con altrettanto garbo e gentilezza, un suo tratto distintivo, e con solidarietà nei nostri confronti.

Intervistò tra gli altri anche me, allora componente del Comitato di redazione: fui molto duro con la proprietà che ci aveva chiuso la bocca, usai anche parole pesanti, forse lo misi in difficoltà, ma mi ringraziò, parlammo un po' della vicenda L'Ora ma anche di noi, colleghi quasi gemelli, come ho detto lui era nato solo un mese prima che io venissi al mondo.

Mentre scrivo queste righe mi commuovo molto, muoiono sempre troppo presto le persone migliori, la gente perbene.

                Gaetano Perricone

QUANDO LA GRANDE LETTERATURA DIVENTA OTTIMA TELEVISIONE

di Gaetano Perricone

L'ho vista tutta. Mi sono talmente incuriosito, mi hanno così tanto intrigato i primi due episodi su Rai 1, che non ho resistito e in un paio di giorni ho guardato su Rai Play l'intera fiction di Francesca Archibugi, otto episodi, basata sul capolavoro di Elsa Morante. Potenza della tecnologia moderna, che ci fa anche anticipare, anzi bruciare i tempi.

Non starò qui anch'io a tessere le lodi di uno dei romanzi più belli, più appassionanti, più significativi, più letti, meglio scritti della letteratura italiana di ogni tempo. Come è spesso accaduto in occasione di altri importanti rifacimenti televisivi, è l'occasione per rileggere a 67 anni e dopo circa mezzo secolo “La storia”: lo sto facendo molto velocemente e con grande gusto e soddisfazione, insieme ad altrettanta indignazione.

Per quanto riguarda la serie televisiva, senza spoilerare nulla per chi vorrà godersi con calma i prossimi appuntamenti del lunedì sera, aggiungo poche cose. 1) credo sia fatta molto, molto bene, compatibilmente con la enorme complessità, pur nella grande semplicità di narrazione del romanzo. Trasmette con forza, ho capito questo e forse l'ho voluto capire, un messaggio chiaro e forte: che il fascismo che andò appresso all'orrido nazismo è insieme alla mafia il cancro che ha fatto un male infinito alla storia del nostro Paese e alla vita di tanti italiani. E continua a farlo, visto che il culto dell'uomo/donna solo/sola al comando e la voglia di monopolizzare il potere in due uniche o comunque pochissime mani restano a quanto si vede molto forti, con il consenso ahimè di tanti. Come dire che la storia, quella della fiction e quella reale, non insegna nulla; 2) la regia è ottima, gli attori dire bravissimi è poco: per me eccezionale Jasmine Trinca, protagonista principale nel ruolo di Ida, travolta da un destino accanito e feroce; meraviglioso il piccolo Mattia Basciani nei panni di Useppe, il bambino dagli occhi grandi e dall'anima tormentata; eccellente Francesco Zenga nel ruolo  de fratello Nino ribelle, selvaggio, inarrestabile; poi ancora i ben noti e notevolissimi Valerio Mastandrea, il nobile oste Remo; Elio Germano, il generoso e sfortunato compagno Giuseppe Cucchiarelli, “Eppe Tondo”; Asia Argento, la bella prostituta cartomante dal cuore d’oro, in una parte breve, ma molto intensa. Grande professionalità di tutto il cast, con la sensazione di un forte impegno civile legato al tema e all'opera; 3) quando fa la Rai come ha fatto per tanti anni, la Rai riesce a fare ancora cose ottime che lasciano una traccia. In più, con quest'opera, la gestione lottizzata dal governo delle destre potrà vantarsi di avere mandato in onda un lavoro che certamente non beatifica e manco assolve il fascismo.

Spero che tanti ragazzi anche giovanissimi vedano “La Storia” televisiva, se non riescono a leggerla o nessuno glielo consiglia. Spero la veda anche mio nipote Andrea: la tragicità di quegli avvenimenti e di quella vicenda familiare potrebbe aiutarlo a comprendere il valore di tante cose.

Buona visione.

 

Quella valanga di braccia destre che fa paura

di Gaetano Perricone

"Per alcune sentenze quel gesto non è un reato ... Commemorare i defunti è altro dall’apologia di fascismo, attendiamo che la Consulta faccia chiarezza” (Fonte: #LaRepubblica) "Incertezza su come considerare certi gesti in caso di commemorazione di persone defunte. Attendo con interesse la prevista riunione a sezioni riunite della Cassazione proprio su questo punto

È possibile che si stabilisca che un saluto romano durante una commemorazione non sia apologia di fascismo, e quindi non sia reato, come molte sentenze stabiliscono (Fonte: #lapresse). Sono le parole per me assolutamente prevedibili della seconda carica dello stato, il presidente del Senato #IgnazioLaRussa - l'uomo che in base alla Costituzione dovrebbe sostituire il presidente della Repubblica #SergioMattarella in caso di impossibilità ad adempiere alle proprie funzioni, di impedimento permanente, di morte - in risposta a chi gli chiedeva un commento sulla valanga di saluti romani ad #AccaLarentia.

Non posso evitare di restarne turbato per il ruolo istituzionale che ricopre, ma non mi sorprendono affatto queste esternazioni, anzi le trovo perfino sincere, comunque non ipocrite: cosa avrebbe dovuto dire un signore che non nasconde di conservare a casa vari cimeli dell'epoca fascista?

Mi turba invece molto, ma molto di più, mi preoccupa assai, la pervicace ostinazione con cui una parte della stampa non esplicitamente schierata con le destre di governo minimizza la gravità dell'adunata fascista di domenica scorsa, documentata in modo impressionante - condivido in pieno l'aggettivo - da foto come quella qui sotto e altri video.

E infine mi turba al massimo, la trovo spaventosamente inquietante, l'indifferenza pressoché assoluta di larghissima parte dell'opinione pubblica, reale e social, rispetto a quanto accaduto. Che potrebbe anche essere, non lo escludo affatto, paura di esprimersi, di esporsi, di scoprirsi, di manifestare indignazione o

 anche semplice perplessità. Siamo già alla sindrome da schedatura? Mala tempora currunt, sed peiora parantur.

Sonia Alfano: "Dopo 31 anni lacrime e ricordi, papà ti giuro che avrai giustizia" 
di Sonia Alfano
Ci siamo, come ogni 8 gennaio aspetto le 22:15. Come ogni anno rivivo ogni singolo istante di quei giorni che precedono il giorno dell’omicidio di mio padre. Dapprima i ricordi, poi la paura, finché lo scandire del tempo si sofferma maledettamente sulle ultime ore di vita vissute con lui. E prendono il posto i ricordi di ciò che abbiamo fatto quel giorno, cosa abbiamo mangiato, cosa ci siamo detti. Ricordo il suo sguardo smarrito e deluso, come di chi non capisce perchè non venga creduto circa le minacce subite. Rimbomba nella mia testa la sua voce mentre mi dice che lo hanno minacciato giurandogli che lui “al 20 gennaio non ci sarebbe arrivato”… Cominciano, come da 31 anni a questa parte, a rincorrersi i rimorsi e i sensi di colpa.
“Se gli avessi impedito di uscire, di andare incontro al suo destino? Se lo avessi accompagnato io a prendere mamma alla stazione, avrei potuto difenderlo…”. Ma come avrei potuto evitargli le tre pallottole che quella sera hanno interrotto la sua vita per sempre, e condannato noi ad una vita vissuta altrettanto per sempre con le emozioni a metà? Io non ho potuto fare nulla, se non battermi per ridargli dignità, per ottenere giustizia e per far si che la sua morte non sia vana. Il dovere ovvio di una figlia verso un padre, anche se molto limitato rispetto a ciò che lui avrebbe fatto per me. E allora, poiché sì diventa forti soprattutto soffrendo, nonostante in queste ore nella mia testa si alternino solo ed esclusivamente le immagini del suo viso bellissimo devastato dai proiettili, la relazione autoptica con l’analitica descrizione della sua sofferenza, io oggi tra le lacrime che sanno non finire mai e scorrere come un oceano nell’anima, voglio rinnovare il mio giuramento a mio padre: nessuno, e sottolineo nessuno, avrà più tregua; ti giuro che la mia vita sarà lo strumento per rendere unica la tua memoria e vivrai più forte e nitido che mai, in me.
Avrai giustizia, papà.Sonia Alfano: "Dopo 31 anni lacrime e ricordi, papà ti giuro che avrai giustiziadi Sonia Alfano

Sonia Alfano: "Dopo 31 anni lacrime e ricordi, papà ti giuro che avrai giustizia" 

di Sonia Alfano
Ci siamo, come ogni 8 gennaio aspetto le 22:15. Come ogni anno rivivo ogni singolo istante di quei giorni che precedono il giorno dell’omicidio di mio padre. Dapprima i ricordi, poi la paura, finché lo scandire del tempo si sofferma maledettamente sulle ultime ore di vita vissute con lui. E prendono il posto i ricordi di ciò che abbiamo fatto quel giorno, cosa abbiamo mangiato, cosa ci siamo detti. Ricordo il suo sguardo smarrito e deluso, come di chi non capisce perchè non venga creduto circa le minacce subite. Rimbomba nella mia testa la sua voce mentre mi dice che lo hanno minacciato giurandogli che lui “al 20 gennaio non ci sarebbe arrivato”… Cominciano, come da 31 anni a questa parte, a rincorrersi i rimorsi e i sensi di colpa.
“Se gli avessi impedito di uscire, di andare incontro al suo destino? Se lo avessi accompagnato io a prendere mamma alla stazione, avrei potuto difenderlo…”. Ma come avrei potuto evitargli le tre pallottole che quella sera hanno interrotto la sua vita per sempre, e condannato noi ad una vita vissuta altrettanto per sempre con le emozioni a metà? Io non ho potuto fare nulla, se non battermi per ridargli dignità, per ottenere giustizia e per far si che la sua morte non sia vana. Il dovere ovvio di una figlia verso un padre, anche se molto limitato rispetto a ciò che lui avrebbe fatto per me. E allora, poiché sì diventa forti soprattutto soffrendo, nonostante in queste ore nella mia testa si alternino solo ed esclusivamente le immagini del suo viso bellissimo devastato dai proiettili, la relazione autoptica con l’analitica descrizione della sua sofferenza, io oggi tra le lacrime che sanno non finire mai e scorrere come un oceano nell’anima, voglio rinnovare il mio giuramento a mio padre: nessuno, e sottolineo nessuno, avrà più tregua; ti giuro che la mia vita sarà lo strumento per rendere unica la tua memoria e vivrai più forte e nitido che mai, in me.
Avrai giustizia, papà.

 

A passeggio contro i bavagli. Giornalisti attivi e pensionati insieme, come sempre!
Contro ogni tentativo di bavaglio alla libertà di informare e di essere informati, la Fnsi è scesa in piazza a Roma, con la segretaria nazionale Alessandra Costante e il presidente Vittorio Di Trapani. I vertici del sindacato hanno fatto una passeggiata attorno ai palazzi del potere per protestare contro la legge bavaglio già approvata alla Camera e in attesa dell'esame del Senato. Molte le adesioni alla manifestazione da parte di singoli cronisti e di associazioni che si sono ritrovati alle 10 in via delle Botteghe Oscure e tra i quali non mancavano rappresentanti dell'Unione nazionale giornalisti pensionati.A passeggio contro i bavagli. Giornalisti attivi e pensionati insieme, come sempre!

A passeggio contro i bavagli. Giornalisti attivi e pensionati insieme, come sempre!

Contro ogni tentativo di bavaglio alla libertà di informare e di essere informati, la Fnsi è scesa in piazza a Roma, con la segretaria nazionale Alessandra Costante e il presidente Vittorio Di Trapani. I vertici del sindacato hanno fatto una passeggiata attorno ai palazzi del potere per protestare contro la legge bavaglio già approvata alla Camera e in attesa dell'esame del Senato. Molte le adesioni alla manifestazione da parte di singoli cronisti e di associazioni che si sono ritrovati alle 10 in via delle Botteghe Oscure e tra i quali non mancavano rappresentanti dell'Unione nazionale giornalisti pensionati.

Non è il calendario nostro, ma è comunque il calendario del pensionato e chi volesse può scaricarlo dal link in basso

Calendario 2024.pdf (1930862)

Messina, il nostro tesoriere Luigi Andò insignito dell’onorificenza dell’Ordine al merito della Repubblica

Nel Salone di Rappresentanza del Palazzo del Governo di Messina, il Prefetto, Cosima Di Stani, ha consegnato le Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, conferite con Decreto del Presidente della Repubblica del 2 giugno 2023, agli insigniti residenti in questa provincia, che si sono distinti per impegno civile, dedizione al lavoro e senso del dovere. Tra gli altri, è stata conferita l’onorificenza di Cavaliere al sig. Luigi Andò, giornalista a riposo, attualmente tesoriere del Gruppo giornalisti pensionati di Sicilia e della sezione provinciale Assostampa di Messina e componente professionale del Collegio dei sindaci di Assostampa Sicilia.

Contributi Casagit dei pensionati: garantita la piena deducibilità

Casagit Salute invierà ad ogni giornalista pensionato una certificazione contenente i dati completi dei contributi versati da ciascuno alla cassa nell’anno 2023. Sarà così possibile chiedere e ottenere la deducibilità delle somme versate per ottenere le prestazioni sanitarie nella dichiarazione dei redditi. Una analoga certificazione sarà fornita anche a tutti coloro che hanno optato per la dichiarazione precompilata alla Agenzia delle entrate (segue nelle notizie)

Palermo - Assemblea annuale dei pensionati siciliani e cerimonia delle targhe “Una vita per il giornalismo”

Palermo - Con la Cerimonia delle Targhe “Una vita per il giornalismo” dedicate a cinque cronisti “di lunga vita” di Sicilia (Kris Mancuso, Gaetano Sconzo, Giovanni Campolmi, Gianni Pietrosanti, Delia Parrinello) e giunta alla sua seconda edizione si è conclusa a Palermo la partecipata assemblea annuale del Gruppo giornalisti pensionati siciliani (segue nelle notizie)

La salute a portata di smartphone: ecco la app di Casagit Salute

Da oggi è disponibile la nuova app di Casagit Salute, uno strumento in più dedicato ai nostri soci per avere tutto a portata di mano. Tramite app infatti, è possibile inviare le richieste di rimborso (grazie alla possibilità di fotografare la documentazione direttamente con il cellulare), consultare lo stato delle pratiche e visualizzare la Casagit Card sia del titolare che dei familiari. Si accede con le stesse credenziali personali della propria area riservata sul sito web (segue nelle notizie)

Irpef, l'Inps chiarisce l'aumento del prelievo fiscale

L'Istituto ha spiegato che l’innalzamento rilevato da alcuni giornalisti pensionati deriva da conguagli per Imposta sul reddito delle persone fisiche non versata nel 2022 e 2023 (segue nelle notizie)

A Catania incontro e progetti del Gruppo Pensionati

Memoria, etica e buon mestiere: su queste direttive l'impegno dei giornalisti siciliani pensionati si rinnova per aprire nuove strade e rapporti costruttivi con i più giovani. Nelle scuole, università, luoghi della cultura e della formazione. Tra web TV e carta stampata ben consci delle crisi editoriali in atto i pensionati si sono riuniti per analizzare il lavoro svolto e per programmare attività ed eventi utili a raccontare e dare valore al mestiere del giornalista.

(Nella foto Pippo Cascio, Maria Lombardo, Gaetano Perricone, la presidente Claudia Mirto, Giuseppe Vecchio)

CPO, insediato il Coordinamento

Si è insediato martedì 10 ottobre 2023 il Coordinamento della Commissione Pari Opportunità della Fnsi, presieduta da Mara Pedrabissi. Su proposta della presidente, accolta all'unanimità da tutte e tutti i componenti, è stata nominata coordinatrice Vanna Palumbo (segue nelle notizie)

UNGP – Lettera aperta ai comitati e fiduciari di redazione dal presidente Serventi Longhi

Care colleghe, cari colleghi, a nome dell’Esecutivo della nostra Unione, struttura sindacale di base della FNSI, intendo esprimere grande condivisione per il documento da voi approvato all’unanimità e che fa riferimento alla relazione della Segretaria Generale Alessandra Costante (segue nelle notizie)

Premiati dal Gus Sicilia gli addetti stampa dell’anno

Consegnati nel seicentesco Palazzo Crociferi di Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani, i riconoscimenti del premio “Giornalismo siciliano: l’Addetto stampa dell’anno 2023”. Si tratta della quarta edizione del Premio, promosso dal GUS, gruppo di specializzazione di Assostampa, sindacato unitario dei giornalisti siciliani, patrocinato dall’Ordine dei giornalisti di Sicilia e che ha visto la presenza della presidente nazionale del GUS, Assunta Currà (segue nelle notizie)

Comitato Esecutivo UNGP: impegno sindacale, iscrizioni, risorse, formazione

I giornalisti pensionati dell'UNGP ritengono indispensabile un aumento in tempi rapidi delle iscrizioni delle colleghe e dei colleghi iscritti all'lnps, alla Fnsi, alle Associazioni Regionali di Stampa e alla stessa Ungp. I giornalisti pensionati iscritti alla Fnsi sono soltanto 3000 (segue nelle notizie)

Paolo Serventi Longhi: "Come iscriversi all'UNGP"

Alcune colleghe e colleghi, in pensione, ci chiedono come fare per iscriversi all'Ungp. Anche dopo il passaggio della gestione principale INPGI all'INPS, le giornaliste e i giornalisti pensionati INPS possono iscriversi all'UNGP e quindi anche ai gruppi regionali dei pensionati al momento di sottoscrivere la delega di iscrizione al sindacato presso le Associazioni Regionali di Stampa. In tale circostanza, si invitano comunque i colleghi e le colleghe a precisare di voler aderire anche all'Unione nazionale Giornalisti pensionati. In questo modo, risulteranno iscritti all'Ungp ed ai sui gruppi regionali, il tutto senza ulteriori costi e quindi senza alcuna integrazione contributiva rispetto alla quota di adesione all'Associazione Regionale di Stampa e quindi alla FNSI.

Nasce l'Osservatorio nazionale su media e violenza contro le donne e il Manifesto di Venezia

Siglato un accordo fra l'Università La Sapienza, le Cpo di Fnsi, Ordine dei giornalisti e Usigrai e l'associazione Giulia giornaliste. Il progetto durerà due anni e riguarderà giornali cartacei, on line e telegiornali (segue nelle notizie)

Occhio alla Rete

Con il bel post pubblicato su Facebook dal fotoreporter palermitano Franco Lannino, iniziamo ad ospitare nel nostro sito, in "Occhio alla Rete", documenti e riflessioni sul diritto di cronaca

-----

Queste foto non si possono più fare e lo sapete perché? perché fanno male, sono pugni sullo stomaco. E i pugni sullo stomaco ai governi di turno non piacciono. E allora fanno sì che gli operatori dell'informazione stiano lontani dall'epicentro della sofferenza, delegando le forze dell'ordine a farlo. Perché da lontano è tutto bello, lindo, pulito. (segue)

Teatro Massimo di Palermo - Presentata la nuova stagione di opere, balletti e concerti

Il presidente della Fondazione Teatro Massimo e sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, e il sovrintendente e direttore artistico Marco Betta con il direttore musicale Omer Meir Wellber e il direttore del Corpo di ballo Jean-Sébastien Colau, hanno presentato il programma della stagione 2023-2024. La stagione di opere e balletti sarà inaugurata il 22 novembre, con I Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini con la direzione Omer Meir Wellber e la regia di Idan Cohen, quella di concerti già il 15 novembre (segue nelle notizie)

Incidenti stradali, 

largo agli spot ma non questo

di EGLE PALAZZOLO

E’ prevista censura per la pubblicità televisiva e per gli spot, i messaggi e quant’altro dalla TV arriva inesorabilmente sino a noi? Certo che no. Altrimenti non avrebbe trovato spazio quel solerte messaggio del Consorzio Autostrade (segue nelle notizie)

IL DERBY DEGLI AEROPORTI

di GAETANO PERRICONE

Se non fosse tristissima, penosa, questa storia dell’aeroporto di Punta Raisi che da domani rifiuterà gli aerei che dovevano arrivare a Fontanarossa e non possono farlo a causa dell’incendio scoppiato domenica sera nel Terminal A, il principale, ci sarebbe veramente da ridere. L’atavica storia del bellicoso derby calcistico tra Palermo e Catania, che è poi anche derby e rivalità a volte divertente e a volte stucchevole tra le due città, sembra ripetersi anche tra gli scali aeroportuali, entrambi tra i più frequentati non solo d’Italia ma d’Europa e forse del mondo soprattutto in questo periodo, dato che “a Sicilia è bedda”, si vedono cose bellissime e si mangia benissimo e tutti vogliono venire qua (segue nelle notizie)

Addio ad Andrea Purgatori, giornalista e volto noto della tv

di MARIA LOMBARDO

Con Andrea Purgatori, romano, scomparso in questi giorni per breve malattia all’età di 70 anni, ancora in piena attività, se ne va un giornalista che ha dato tanto alla Sicilia, alla ricerca delle verità sulla strage di Ustica e sulle stragi mafiose, a quei misteri, tanti misteri, che fanno parte della nostra storia recente. Proprio ieri sera La7 ha replicato l’inchiesta sugli attentati ai magistrati e rappresentanti delle istituzioni: Terranova, Dalla Chiesa, Chinnici, Falcone e Borsellino (segue nelle notizie)

La strage di via d'Amelio, 31 anni dopo

Giancarlo Mirone la raccontò così

ZCZC233/0A
U CRO S0A S41 QBKS
UCCISO BORSELLINO: LA STRAGE DI PALERMO; RIEPILOGO/ANNUNCIATO
(DEL REDATTORE DELL'ANSA GIANCARLO MIRONE)
La potenza strategica e militare della mafia ha dato oggi a Palermo l'ennesimo saggio di sangue, massacrando con tecnica ormai collaudata, l'esplosione di una autobomba, il Procuratore aggiunto Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta, fra cui una donna. L'attentato è stato compiuto alle 17 in punto in via Mariano D'Amelio, vicino alla Fiera del Mediterraneo, alle falde del Montepellegrino, davanti al civico 19. Quando l'artificiere di ''Cosa Nostra'' ha attivato il radiocomando che ha fatto scoppiare l'automobile imbottita di esplosivo, parcheggiata proprio davanti al portone d' ingresso, il magistrato stava andando a visitare l'anziana madre e la sorella. La deflagrazione, di una violenza inaudita, è stata avvertita in gran parte della città. Anche nella redazione dell'Agenzia Ansa, che dista dal luogo un paio di chilometri in linea d'aria. Il primo flash su quella che via via si sarebbe configurata come una delle più orrende stragi firmate dalle cosche, è stato trasmesso pochi minuti dopo.
Quando, sull'eco del boato, hanno cominciato a convergere mezzi delle forze dell'ordine, dei vigili del fuoco e autoambulanze, quanti sono arrivati per primi sul posto non hanno creduto ai propri occhi. L'edificio in cui era diretto il magistrato è sventrato alla base e segni di lesioni consistenti e infissi divelti fino al quinto piano. Una ventina di automobili che bruciavano, cadaveri e resti umani sull' asfalto.
     MIR
19-LUG-92 22:00 NNNN

La strage di Via D'Amelio dagli archivi dell'ANSA

Ai corsi di formazione anche dopo i 67 anni

Chi vuole continuare a seguire i corsi proposti dall’OdG, anche se pensionato e ultra sessantenne, può inviare una mail a formazione@odgsicilia.it per essere riammesso alla formazione continua riacquisendo lo status di giornalista in attività. Questo il testo che si può usare:

Il sottoscritto, Nome e Cognome, giornalista (professionista o pubblicista), dichiara di rinunciare all'esonero dalla formazione continua disposto dall'Odg e chiede di potere continuare a seguire i corsi che verranno proposti dall'Ordine. Cordialità

“Premio cronista 2023” - Vince questa edizione il messinese Fabrizio Berté

Palermo, a Palazzo Sant'Elia si è tenuta ieri la cerimonia di consegna dei riconoscimenti per il "Premio cronista 2023", organizzato dal Gruppo cronisti dell'Associazione siciliana della stampa, in collaborazione con l'Ordine dei giornalisti di Sicilia. A vincere l’edizione 2023, con un lavoro sul tema “emergenze sociali: dal lavoro all’immigrazione”, è stato Fabrizio Bertè giovane cronista messinese collaboratore de “La Repubblica” (segue nelle notizie)

Premio giornalistico Orlando Scarlata, vincono Michela Iaccarino, Luisa Santangelo ed Erica Manna

La napoletana Michela Iaccarino con il suo bel racconto da precaria in guerra ha vinto il primo Premio nazionale giornalistico dedicato ad Orlando Scarlata, grande giornalista, illuminato dirigente sindacale e figura di primo piano per tre generazioni di cronisti italiani.

Scarlata ha ricoperto numerosi incarichi negli organismi di categoria. È stato vice segretario nazionale FNSI e presidente di Assostampa Sicilia, segretario dell’Ordine nazionale dei giornalisti ma anche presidente dell’Ordine regionale, presidente dell’Inpgi e tra i fondatori della Casagit e dell’Unione nazionale giornalisti pensionati (segue nelle notizie)

Tutti al cinema: convenzione con la multisala Gaudium di Palermo

Dal 21 aprile 2023 è stata attivata una convenzione tra l’Associazione Siciliana della Stampa, Gruppo Giornalisti Pensionati di Sicilia e la multisala Gaudium di Palermo sita in via Damiani Almeyda, 32 – 091 341535.  Dal lunedì al giovedì l’ingresso è di 6€. Il venerdì, sabato e domenica l’ingresso è di 5,50€. I prezzi sono estesi ad un familiare. Basterà esibire la tessera dell’Associazione Siciliana della Stampa - FNSI o la tessera del gruppo Giornalisti Pensionati di Sicilia. Seguiranno altre convenzioni con altre sale.

È possibile rimanere iscritti al Fondo anche dopo il pensionamento. L’iscritto potrà, se lo vorrà, versare personalmente contributi volontari. La contribuzione può essere effettuata attraverso la propria area riservata accedendo con le proprie password. Questa opzione può andare incontro a chi non ha necessità urgente di disporre di somme o di una rendita nell’immediato continuando a rappresentare una forma di investimento (mantenendo la possibilità di richiedere anticipazioni ecc…) a basso costo di gestione. Il riscatto si potrà attivare in un momento successivo (segue nelle notizie)

8 marzo - DONNE GIUSTIZIA LIBERTA' (DI STAMPA)

Per la Giornata internazionale dei diritti della donna anche il nostro Gruppo pensionati di Sicilia vuole contribuire ai racconti, le cronache, le riflessioni che in tutto il mondo celebrano in questo giorno un cammino corale verso un futuro di pieni diritti riconosciuti e condivisi per una democrazia realmente paritaria.

Vedi all'interno alcuni nostri commenti dedicati alla ricorrenza (clicca qui)

INPS - Svolgimento di attività lavorativa successiva al prepensionamento

In merito allo svolgimento dell’attività lavorativa successiva al prepensionamento dei giornalisti professionisti, l'INPS chiarisce due articoli:

1. Attività lavorativa presso l’azienda che ha dato luogo al prepensionamento ovvero appartenente al medesimo gruppo editoriale.

2. Attività lavorativa presso altri datori di lavoro (vedi all'interno nelle notizie)

Claudia Mirto nuovo presidente del Gruppo giornalisti pensionati siciliani

Claudia Mirto è la nuova presidente del Gruppo pensionati dell’Associazione siciliana della stampa. È stata eletta nel corso dell’assemblea che si è svolta nella sede regionale di Assostampa a Palermo alla quale hanno partecipato i giornalisti iscritti al gruppo di tutta la Sicilia. L’assemblea ha eletto anche il nuovo direttivo di cui fanno parte Egle Palazzolo, Maria Lombardo, Gaetano Perricone, Luigi Andò, Giancarlo Mirone, Ignazio Panzica, Giuseppe Cascio e Giuseppe Vecchio. Nominati anche i componenti del collegio dei sindaci revisori dei conti: Gaetano Sconzo Michele Cimino, Gianfranco Troina. (segue nelle notizie)

Querele per i giornalisti - L'Ordine apre uno sportello legale gratuito

Troppe querele per i giornalisti, oltre 400 ogni anno in Sicilia, secondo gli ultimi dati di Ossigeno per l'informazione, di cui l'87 per cento si conclude con il proscioglimento dopo processi che durano anni e che sfiancano, psicologicamente e finanziariamente chi li subisce. Per questa ragione l'Ordine dei giornalisti di Sicilia ha deciso di aprire, ripristinando un'analoga iniziativa del 2014, uno sportello legale gratuito per i colleghi che si dovessero trovare alle prese con querele o richieste di risarcimento civile. (segue nelle notizie)

Quotidiani in Sicilia - Vendite e diffusione anno 2023

 
Meteo Sicilia